Misure per i casi di rigore

Nella sua seduta del 4 novembre 2020, il Consiglio federale ha sottoposto a consultazione l’ordinanza sulle misure di rigore in relazione all’epidemia di Covid 19.

Casi di rigori – punti di contatto cantonali

I Cantoni sono responsabili dell’elaborazione delle domande. Una società può presentare la sua domanda al Cantone in cui la società è stata domiciliata il 1° ottobre 2020. Al seguente link trovate un elenco con i dati di contatto dei cantoni:

Punti di contatto cantonali

Per le risposte alle domande più frequenti sui casi di disagio, visitate il nostro Helpcenter.

 

18.06.2021 Coronavirus: ultimi adeguamenti dell’ordinanza COVID-19 casi di rigore a favore delle imprese particolarmente colpite

Nella seduta del 18 giugno 2021 il Consiglio federale ha deciso di apportare adeguamenti mirati all’ordinanza COVID-19 casi di rigore, che permetteranno di accordare alle imprese duramente colpite dalle conseguenze economiche della pandemia un sostegno più elevato. Dato però che i Cantoni hanno necessità molto diverse, l’Esecutivo aumenta in primo luogo il limite massimo fissato per i contributi a fondo perso a favore delle piccole imprese con un calo importante della cifra d’affari. In secondo luogo, mette a disposizione dei Cantoni 300 milioni di franchi dalla «riserva del Consiglio federale» al fine di fornire alle imprese particolarmente colpite un sostegno complementare. Maggiori informazioni sono contenute nel comunicato stampa.

Documenti:

Analisi e grafici sui fondi COVID-19 per i casi di rigore

Sulla base della legge COVID-19 e dell’ordinanza COVID-19 casi di rigore, la Confederazione partecipa ai costi e alle perdite dei cantoni per sostenere le imprese particolarmente colpite dalla pandemia. I provvedimenti per i casi di rigore, per i quali il Cantone chiede alla Confederazione di partecipare ai costi o alle perdite, possono essere concessi sotto forma di contributi a fondo perso, di mutui rimborsabili, di garanzie o di fideiussioni.

La seguente tabella fornisce informazioni sul numero di aiuti accordati dai cantoni e sulla somma totale degli aiuti accordati. Le cifre sono aggiornate mensilmente.

Aiuti accordati dai cantoni tra il 26.9.2020 e il 31.08.2021 per i casi di rigore
Strumento finanziarioNumero d’imprese sostenuteTotale in CHF (contributo della Confederazione e del Cantone)
Contributi a fondo perso32’4983'723.9 mln.
Mutui rimborsabili / fideiussioni / garanzie1’932220.6 mln.
Stato dei cantoni GE, VD, ZH: 03.08.2021; stato degli altri cantoni: 31.08.2021

I seguenti grafici illustrano l’utilizzazione degli aiuti per i casi di rigore COVID-19 per le imprese. Queste visualizzazioni si basano sui dati dei cantoni. I grafici sono aggiornati mensilmente e possono quindi deviare dalle cifre giornaliere. Per escludere conclusioni su singole aziende e per garantire l’anonimato delle stesse, possono essere resi disponibili solo dati aggregati. A causa degli arrotondamenti, è possibile che la somma delle parti non sia pari al 100%.

Dati come file CSV

 

Ultimo aggiornamento: 04.09.2021:

Grafico da scaricare: Numero di contributi a fondo perso per cantone [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Volume dei contributi a fondo perso per cantone [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Numero di mutui/fideiussioni/garanzie per cantone [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Volume dei mutui/fideiussioni/garanzie per cantone [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Top 10 settori per numero di contributi a fondo perso [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Top 10 settori per volume dei contributi a fondo perso [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Top 10 settori per numero di mutui/fideiussioni/garanzie [png]

Scarica

Grafico da scaricare: Top 10 settori per volume dei mutui/fideiussioni/garanzie [png]

Scarica

26.05.2021 Pandemia di coronavirus: il Consiglio federale pianifica la normalizzazione della politica economica

Nella seduta del 26 maggio 2021, il Consiglio federale ha discusso le ripercussioni delle riaperture sull’economia. Con il graduale ritorno alla normalità in tutti i settori economici, si devono tornare ad applicare gli strumenti abituali e consolidati anche nella politica economica. A tal fine, l’Esecutivo prevede una strategia di transizione a tre fasi: stabilizzazione, accompagnamento del cambiamento strutturale, rivitalizzazione. Nel contempo, con due adeguamenti mirati dell’ordinanza COVID-19 casi di rigore, intende garantire che i Cantoni possano sostenere opportunamente in questa fase transitoria le imprese particolarmente colpite dalle conseguenze della pandemia. Maggiori informazioni sono contenute nel comunicato stampa.

 

31.03.2021: Il Consiglio federale adegua l’ordinanza COVID-19 casi di rigore e l’ordinanza COVID-19 perdita di guadagno

Nella sua seduta del 31 marzo 2021 il Consiglio federale ha deciso di adeguare sia l’ordinanza COVID-19 casi di rigore che l’ordinanza COVID-19 perdita di guadagno in esecuzione delle modifiche della legge COVID-19 adottate dal Parlamento nella sessione primaverile. Nell’ambito degli aiuti per i casi di rigore, gli adeguamenti riguardano in particolare gli importi massimi, la data di costituzione dell’impresa, la partecipazione dello Stato a eventuali utili delle imprese nel 2021 e la durata del divieto di distribuire dividendi. Viene inoltre introdotta una regolamentazione uniforme a livello nazionale per il calcolo dei contributi versati alle imprese con una cifra d’affari annuale superiore a 5 milioni di franchi. Maggiori informazioni sono contenute nel comunicato stampa.

Documenti:

 

19.03.2021: Il Parlamento modifica la legge COVID-19

Il Parlamento federale ha modificato la legge COVID-19 nella sessione primaverile 2021. Tra l’altro, ha legiferato varie disposizioni nuove o modificate per i provvedimenti per i casi di rigore. Inoltre, il Parlamento ha approvato un aumento del programma per i casi di rigore dagli attuali 2,5 miliardi di franchi a nuovi 10 miliardi (Confederazione e cantoni). Le imprese che hanno subito un calo della cifra d’affari annua superiore al 40% o che sono state chiuse dalle autorità per 40 giorni continuano ad essere considerate come casi di rigore. Anche le aziende fondate tra il 1° marzo e il 30 settembre 2020 possono ora presentare una domanda per il sostegno di caso di rigore. Per le grandi imprese con una cifra d’affari annua di più di 5 milioni di franchi, la Confederazione emette regole uniforme. Ci sono stati anche aggiustamenti al divieto dei dividendi (ora quattro anni). I criteri esatti per l’attuazione delle nuove disposizioni saranno definiti con una modifica dell’ordinanza COVID-19 casi di rigore. La legge modificata è entrata in vigore il 20 marzo 2021 e l’ordinanza dovrebbe entrare in vigore il 01 aprile 2021. Tutte le modifiche votate a livello legislativo possono essere consultate qui.

La Confederazione sostiene l’economia anche durante la seconda ondata con le seguenti misure – alla panoramica

 

Ordinanza COVID-19 casi di rigore

Ulteriori informazioni

Comunicati stampa

Base giuridica

Contatto per i media

medien@seco.admin.ch